partito

MANCANO RIGIDI CONTROLLI SUGLI IMMIGRATI, REGIONE LOMBARDIA PROVVEDA

MILANO, 09 marzo 2017 – Il CDU tuona contro la Regione Lombardia. «L’ente si assuma le proprie responsabilità, servono controlli intensivi sui migranti apolidi».

Recentemente sono balzati agli onori della cronaca due casi analoghi, riguardanti vicende tragiche di migranti. Il 17 febbraio il cadavere di un uomo africano è stato ritrovato sul tetto di un treno alla stazione di Cannes “La Bocca”. Il ventenne, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe rimasto folgorato nel tentativo di aggrapparsi al pantografo (il dispositivo installato sui veicoli ferroviari e tranviari che si collega ai cavi dell’alta tensione) del convoglio proveniente da Ventimiglia. Stessa sorte il 2 marzo per un migrante originario del Mali che ha preso fuoco sul tetto di un treno regionale partito dall’Italia settentrionale; il corpo senza identità è stato recuperato alla stazione di Balerna nel Canton Ticino, quindi è intuitivo che l’uomo volesse oltrepassare la frontiera.

Questi avvenimenti, a cui se ne potrebbero aggiungere molti altri affini accaduti nel passato nonché quelli ipotizzabili per proporzionalità che verranno a sommarsi in un futuro prossimo, sono stati segnalati da Lorenzo Annoni del partito Nuovo CDU per condurre a una riflessione più ampia ed articolata sul tema tanto discusso degli immigrati. «Viene spontaneo constatare – spiega – che una moltitudine di stranieri sta attraversando il territorio italiano liberamente, in maniera del tutto incontrollata». (altro…)

Annunci

QUEL PRETE INDAGATO PER PEDOFILIA, IN PASSATO SCHIERATO ALL’ESTREMA SINISTRA

LORENZO ANNONI 2016«Il presbitero dava vita ad accese discussioni sulla politica»

MILANO, 31 MARZO 2016 – Giorni addietro la Diocesi di Milano ha comunicato la sospensione dal sacerdozio, disposta dal cardinale Angelo Scola, di don Alberto Paolo Lesmo, attuale parroco di Santa Marcellina (Zona Baggio) e per molti anni già coadiutore dell’oratorio di Santa Maria del Suffragio (corso XXII Marzo in Zona 4), in quanto indagato per il reato di prostituzione minorile continuata ed aggravata dal fatto di essere, al momento dello svolgimento dei fatti, un ministro di culto.

Premesso che la giustizia civile e quella ecclesiale faranno il loro corso, qui si informa che don Alberto Paolo Lesmo era già noto agli esponenti democristiani milanesi per essere un “prete atipico”, nel senso che il suo orientamento politico si collocava a favore dell’estrema sinistra, per la precisione con il Partito della Rifondazione Comunista, del quale è stato un sicuro punto di riferimento.

«In particolare – ricorda Lorenzo Annoni, del partito CDU Milano -, in occasione delle elezioni comunali del 2001 ci furono tra il presbitero in questione e un giovane membro del consiglio parrocchiale di Santa Maria del Suffragio delle discussioni molto accese, principalmente via e-mail, per divergenze politiche: il primo era sostenitore di estrema sinistra, il secondo invece aveva deciso di candidarsi nella lista CCD-CDU per il consiglio di Zona 4. (altro…)

STRANIERI MORTI DOPO UN TENTATO COLPO IN BANCA, «DISPONIAMO DEGLI AIUTI ECONOMICI E FORMATIVI PER RIMPATRIARLI»

SIMBOLO 2014Sabato notte un’automobile inseguita da un paio di pattuglie dell’Arma dei Carabinieri ha concluso la sua folle corsa ribaltandosi più volte all’entrata della tangenziale est, all’altezza del cavalcavia della metropolitana di San Donato Milanese. Due dei cinque ladri, a bordo del veicolo in fuga, hanno perso la vita mentre gli altri tre sono rimasti feriti in modo grave. Tutti i malviventi, che avevano tentato un colpo a un istituto bancario, erano di etnia rom e senza fissa occupazione.  (altro…)

ECCEZIONALE PUNTATA DI BOX: NELLO STUDIO DI TELECOLOR UN DEPUTATO 5 STELLE

Vladimiro Poggi e Chiara DeloguVenerdì 21 Febbraio 2014 alle ore 20:30 è andato in onda su Telecolor il nuovo appuntamento di Box, trasmissione di approfondimento su fatti politici, economici e culturali di tutta Italia. Ospiti nello studio di Vladimiro Poggi e Chiara Delogu sono stati Felice Besostri (Partito Socialista Italiano), Francesco Rizzati (Partito Comunista Italiano), Michele Orlandi (Partito Democratico), Alessandro Branduardi (Lega Nord Padania) e l’Onorevole Danilo Toninelli (Movimento 5 Stelle). L’appuntamento è risultato particolarmente speciale proprio per la presenza del parlamentare pentastellato, che ha scelto il salotto di Box per parlare e confrontarsi con altri esponenti politici, partecipazione inusuale vista la reticenza degli esponenti del Partito ad apparire in trasmissioni tv. I temi trattati e dibattuti durante i novanta minuti di trasmissione sono stati l’assegnazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri a Matteo Renzi senza il passaggio al voto, il problema della corruzione che affligge l’intera penisola e l’uscita dall’Unione Europea e l’abbandono della moneta unica. I diversi esponenti della realtà politica italiana si sono confrontati tono su tono ribattendo e dimostrando con puntualità e precisione le proprie opinioni, moderati magistralmente ed in mondo schietto dai bravissimi Vladimiro Poggi e Chiara Delogu, artefici anche dei servizi utili a portare in trasmissione l’opinione dei cittadini italiani attraverso le interviste da loro realizzate. L’appuntamento fisso del venerdì sera ha chiarito le linee programmatiche e di pensiero dei diversi partiti, permettendo ai telespettatori di crearsi una propria personale opinione riguardo fatti che li circondano quotidianamente ma che spesso rimangono nebulosi nella mente dei più. Box è in onda ogni venerdì alle ore 20:30 ed in replica domenica alle 23:40 sul Canale 18 del DTT o in streaming sul sito www.telecolor.net.

Mattia Castellini
Ufficio Stampa PZ